venerdì 13 gennaio 2012

competizione, baye fall e uomini meravigliosi

ci sono quelle dalla vita matrimoniale perfetta e quelle aggrovigliate nei disastri più puri, quelle che pensano essere perfetti esempi di ma dove mi sono andata a cacciare e quelle convinte che quello che stanno vivendo loro è assoluto e irripetibile
per quanto disastroso sia l'importante è che sia grandioso
per quanto normale sia l'importante è che sia splendido
o
splendidO
tra uomini questo non succede
ma quando si parla di coppie la risposta è femminile
quando si parla di figli sembra che i padri non abbiano domande nè risposte
eppure anche loro sono fidanzati, compagni, mariti, padri e anche fratelli o amici di chi abita la dimensione mista
comunque sia, loro non competono
non entrano proprio nell'arena
solo le donne
e con accanimento
il mio uomo è meravigliosO
è il peggior bugiardo che ci sia al mondO
va molto di moda ultimamente definire il proprio compagno africano, semplicemente un uomo
va molto di moda anche chiedersi le ragioni recondite di bugie tradimenti imbrogli e abbandoni e dirsi che lui è così perchè è un baye fall
sospiro
vago senso di compiacimento
non mi sono fatta fregare da uno qualunque
ma da un baye fall!

nicole è stata la prima a chiedermi informazioni e poi qualche consiglio
questa foto viene da qui
ma soprattutto aveva voglia di raccontarsi perchè di consigli non aveva alcun bisogno
essere baye fall è una scelta di vita
una scelta incompatibile con la scelta di nicole
che non si è sentita imbrogliata per questo
un baye fall è una persona che sceglie una vita fatta di altro da noi (dalla maggior parte di noi)
o si diventa yaye fall o è meglio lasciare perdere, nicole l'ha capito e, con molto dolore, ha lasciato perdere
non è caduta nella trappola meravigliosa

francesca invece ci sta dentro con tutta sè stessa, quell'impasto di acqua e sale fatto di ancestrale dedizione femminile e orgoglio di coppia mista
mi scrive di essere stanca stanchissima sull'orlo dell'esaurimento fisico e psichico
e di avere accanto un uomo meraviglioso
disoccupato
(poverino, c'è la crisi)
senza un progetto
(è culturale)
ma che gran cuoco!
lascia che lei sia la sola ad alzarsi tutte le mattine alle sei per andare a spaccarsi la schiena dall'altro capo della città per uno stipendio da commessa che basta appena ad arrivare a metà mese
lascia che lei pensi, ragioni, cerchi soluzioni e alla fine decida
ogni singolo aspetto della loro vita
dalla spesa alla rottamazione della macchina
dai rapporti con le famiglie all'appuntamento con il medico alle serate con gli amici all'arretrato sul mutuo e sulle tasse che li sta strozzando
fai come vuoi
questa foto viene da qui

un uomo meraviglioso
e non lo dico perchè è africano
lui è semplicemente un uomo
meraviglioso
che sa passare l'aspirapolvere
(da nobel!)













la competizione tra donne è massacrante, troppo ardua per chi cerca solo un confronto piano e intelligente
non c'è cuore, solo la spinosa necessità di elevarsi al di sopra delle proprie miserie sputando sulle altre con un dolce e umile sorriso
ma con che risultati?
solitudine, soltanto sciocca solitudine
chissà cosa ne penserebbero gli uomini?


Questo post partecipa al
blogstorming

2 commenti:

sofia ha detto...

si effettivamente conoscere l'opinione maschile, spesso e quasi sempre latitante o comunque fatalmente laconica su argomenti quali la coppia, l'amore etc., tradizionalmente considerati di genere femminile aiuterebbe a chiarire e comprendere meglio certi dubbi e domande che generalmente rimangono tali. Ma Cri, non ho capito se questo vuole essere un incitamento alla partecipazione maschile su questo tipo di tematiche o una provocazione per la discussione di competitività tra le donne....scusa ma non sono riuscita ad afferrare il centro del discorso...

cri ha detto...

le donne sono competitive, hanno troppo bisogno di apparire meglio delle altre, anche quando stanno peggio devono stare peggio delle altre.
per questo gli uomini stanno alla larga da questi discorsi.
per questo anche quando si fanno tra noi questi discorsi sono vuoti e senza sugo.