sabato 26 marzo 2011

simb

in piazza per la libertà e i diritti, brescia 27ott07 by nene_nabou  
ho bevuto l'infuso di scorza e il decotto di radici, mi sono arrampicato sul baobab (proverbio citato da Birago Diop: ascoltando gli adulti se ne assimila la saggezza e si conosce la tradizione)


in piazza per la libertà e i diritti, brescia 27ott07, a photo by nene_nabou on Flickr.
In origine il falso-leone (simb in wolof) è un rito di possessione per liberare l'uomo dallo spirito del leone (gaindè) che si è impossessato di lui durante la caccia.
l'uomo è stato assalito dal leone, ma è sopravvissuto uccidendolo con le sue mani, lo spirito del leone è entrato in lui e solo i marabout possono liberarlo: fino a quel momento lui non può fare a meno di essere un leone, ruggisce terribilmente, mangia solo carne cruda, il suo corpo si ricopre di peli e i suoi passi sono felini.
lo spirito verrà liberato con un rito in cui i tamburi e il potere dei marabout lo faranno uscire dal corpo dell'uomo per tornare, in pace, nella foresta.

Oggi il simbolismo viene utilizzato in diverse manifestazioni folckloristiche, a significare il potere, la forza del popolo e della terra, le radici di un paese che non perde il contatto con i suoi antenati.

5 commenti:

Annalisa ha detto...

Mi ricorda tanto il morso della Taranta. Lì però la possessione era negativa e la liberazione attraverso la musica e la danza era cura di depressioni o comunque di "alterazioni" dello spirito. Nel simb non ho capito se è una sorta di espiazione per aver ucciso il leone.

lukascad ha detto...

I really enjoyed this post. You write about this topic very well. There are many cherished moments in life, why not wear a beautiful dress! When looking back on special memories of your child wearing a gorgeous dress, it will make a fond memory.

online pharmacy

cri ha detto...

credo che la taranta assomigli di più ai riti ndeupp di yoff e a tutti quei riti simili che servono a curare proprio, come dici tu, alterazioni dello spirito, forme di pazzia o ritenute tali.
Io però non sono uno psichiatra e non ho nemmeno una vaga una formazione etnopsichiatrica e quindi non sono in grado di dare una spiegazione precisa: posso solo riportare i racconti; so che nel rito ndeupp è uno spirito che posside una persona e la fa cadere in trance, con convulsioni, voli impossibili, contorsioni e manifestazioni di questo tipo che vengono appunto placate attraverso il rito di canti e danze e tamburi condotto da una donna che è in grado di parlare con gli spiriti.
quando un uomo è posseduto dallo spirio del leone ha manifestazioni di tipo diverso, che lo rendono potente ma non più in grando di interagire con gli uomini e per questo lo spirito viene cacciato; non si tratta però di espiare la colpa di avere ucciso il leone, ma del potere che si acquisisce facendolo.

hiqipith ha detto...

Your site article is very intersting as well as fanstic,at the same time your blog theme is exclusive and ideal,great job.To your success.

cialis

Annalisa ha detto...

ah ecco, anche se non sei un etnopsichiatra, ora è mi è chiaro;-)